Enrica Perucchietti – Blog

Giornalista e scrittrice. Ciò che le TV e i media non ti dicono

Mitologia, letteratura e folklore ci hanno tramandato alcune figure tragiche punite in seguito a una maledizione: costoro si sono macchiati di una colpa indicibile, rendendosi colpevoli dell’unico peccato che le divinità non possono tollerare né tantomeno perdonare, l’hỳbris (dal gr. ὕβρις).

I greci parlavano di questo antico peccato di onnipotenza che, come mostro in Cyberuomo (Arianna Editrice), il mito del progresso e le ricerche nel campo del post-umano sembrano oggi aver rispolverato: l’atto di tracotanza inteso come superamento del limite consentito che conduce inevitabilmente alla disfatta e alla catastrofe.

Continua a leggere

Nella società del politicamente corretto coloro che non si allineano al pensiero unico vengono denigrati, perseguitati e marchiati con etichette diverse tuttavia sempre denigratorie: è un “complottista” o un “fascista”, si dirà se devia dal binario unico, è un “omofobo” se critica il gender, un “retrogrado” o un “neoluddista” se si mostra critico nei confronti dell’esaltazione per tutto ciò che è tecnologico, ecc.

Si coniano sempre nuove etichette in cui incasellare i dissidenti e si far ricorso alla neolingua per rendere sempre più difficile non solo esprimersi liberamente, ma persino pensare.

Continua a leggere

«La frutta era l’unico elemento della loro dieta. Quegli esseri del futuro erano vegetariani rigorosi, e per tutto il tempo che rimasi con loro, pur desiderando un pezzo di carne, fui frugivoro anch’io».

È l’anno 802.701. Il Viaggiatore del Tempo ha appena incontrato una delle due razze che popolano il futuro della Terra: si tratta degli Eloi, creature bellissime, fragili, pacifiche, piccole di statura come bambini, dalla pelle color porcellana e simili tra loro anche nel sesso. Conducono una vita di puro divertimento e sono dotati di scarsa immaginazione e intelletto.

Si tratta di una citazione de La macchina del tempo, uno dei racconti più celebri di H.G. Wells, pubblicato per la prima volta nel 1895. Continua a leggere

Dietro ai fatti di cronaca, sportivi e di puro intrattenimento che dominano i Media e la TV, si affacciano le tematiche che da sempre ossessionano l’uomo: sesso, soldi, sport e violenza.

Echeggiano così due regole del celebre decalogo sulla manipolazione sociale, impropriamente attribuito a Noam Chomsky: mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità e stimolare il pubblico a essere compiacente con la mediocrità.

Dietro alla cornice del puro intrattenimento, si trasmette infatti alle nuove generazioni un modello basato sull’ignoranza e la mediocrità.

Continua a leggere

«I robot uccideranno un sacco di posti di lavoro, perché in futuro queste mansioni verranno svolte dalle macchine».

Non bisogna essere dei neoluddisti o dei complottisti per iniziare a comprendere che l’automazione sta portando a derive inaspettate (leggi il mio articolo).

A condividere questo allarme è stato Jack Ma, fondatore e principale azionista del sito di commercio on line Alibaba, che da Davos ha denunciato il fatto che l’Intelligenza Artificiale è una “minaccia” per gli esseri umani e che presto i robot cancelleranno milioni di posti di lavoro, «perché in futuro queste mansioni verranno svolte dalle macchine». Macchine che, a differenza dei lavoratori umani, non devono essere pagate, non soffrono la stanchezza, la fame o la depressione.

Continua a leggere